Installare programmi – Gestore di pacchetti

Eccoci anche oggi con un nuovo articolo su Linux. Come anticipato settimana scorsa oggi parleremo di argomenti leggermente più “complessi” che però ci permetteranno di comprendere appieno il funzionamento del nostro sistema operativo. Parliamo infatti di come si installano programmi.

APT

APT sta per Advanced Package Tool, ovvero l’interfaccia avanzata per la gestione di pacchetti all’interno del sistema. In Debian una volta scaricati i pacchetti è necessario svolgere un’operazione di “spacchettamento” realizzata dal programma dpkg (di cui parleremo meglio in seguito). Vediamo anche un altro programma che attraverso l’APT ci permette di installare programmi.

desenho2

 

apt-get 

apt-get è un programma semplice che permette di individuare programmi da diverse fonti e quindi installare dalle stesse. E’ importante notare che apt-get non va a “spasso” nella rete alla ricerca del programma da noi voluto, ma si limita a una ricerca all’interno della nostra sources.list, ovvero la lista delle sorgenti.

Ma andiamo con ordine e non tralasciamo i dettagli: cos’è la sources.list? Si tratta di un file contenente degli indirizzi per delle repositories. Le repositories (o “repo”) sono archivi online di software disponibile per essere scaricato. In sostanza, una volta aggiunta una determinata repo al vostro file delle sorgenti, il programma apt-get cercherà anche in essa il programma da voi voluto. Questo ha dei vantaggi e svantaggi ovviamente: da un lato l’elevata sicurezza (se aggiungete solo repo di vostra proprietà o di cui vi fidate ciecamente, difficilmente troverete malware o simili) e dall’altra la difficoltà talvolta nel ricercare ciò che è necessario.

sources

Esempio di un file sources.list

Il file sources.list si trova in /etc/apt/sources.list ed è modificabile attraverso qualsiasi editor di testo (con i permessi adeguati, ovviamente)

Quelli che seguono sono alcuni dei modi comuni di usare apt-get.

  • Per aggiornare l’elenco dei pacchetti conosciuti dal sistema, si può eseguire:
    apt-get update
    (lo si dovrebbe eseguire regolarmente per aggiornare il proprio elenco di pacchetti)
  • Per aggiornare tutti i pacchetti sul sistema (senza installare pacchetti aggiuntivi o rimuovere pacchetti), si esegua:
    apt-get upgrade
  • Per installare il pacchetto nomefile e tutte le sue dipendenze, si esegua:
    apt-get install nomefile
  • Per rimuovere il pacchetto nomefile dal sistema, si esegua:
    apt-get remove nomefile
  • Per rimuovere il pacchetto nomefile e i suoi file di configurazione dal sistema, si esegua:
    apt-get –purge remove nomefile
  • Per aggiornare tutti i pacchetti sul sistema e, se necessario per l’aggiornamento di un pacchetto, installare pacchetti aggiuntivi o rimuovere pacchetti, si esegua:
    apt-get dist-upgrade
    (Il comando upgrade mantiene un pacchetto nella sua versione installata obsoleta se l’aggiornamento necessita dell’installazione di un pacchetto aggiuntivo per soddisfare una nuova dipendenza. Il comando dist-upgrade è meno conservativo.)

Si noti che si deve aver fatto il login come root per eseguire qualsiasi comando che modifichi i pacchetti di sistema.

Si noti che apt-get ora installa in modo predefinito i pacchetti raccomandati ed è, per la sua solidità, il programma consigliato per la gestione dei pacchetti dalla console, per eseguire installazioni sul sistema e per aggiornamenti principali del sistema.
Aptitude

aptitude è un manager di pacchetti utilizzato nei sistemi Debian GNU/Linux che permette anche di avere una visuale grafica all’infrastruttura dietro all’ APT. I comandi possono essere svolti attraverso una serie di linee di comando o graficamente.

aptitude_main_window

 

Aptitude può essere usato per vedere velocemente la versione di una serie di pacchetti e all’occorrenza installare, aggiornare o rimuoverne altri.

aptitude fornisce le funzionalità di dselect (che vedremo più avanti)e apt-get, oltre a molte funzionalità aggiuntive che non si trovano in nessuno degli altri due programmi:

  • aptitude offre un facile accesso a tutte le versioni di un pacchetto;
  • aptitude rende facile tenere traccia del software obsoleto elencandolo in “Pacchetti obsoleti e creati localmente”;
  • aptitude in modalità a schermo intero ha una funzionalità su incorporata e può essere eseguito da un utente normale. Richiama su (e chiederà la password di root, se esiste) quando sono veramente necessari i privilegi di amministrazione.

Si può usare aptitude attraverso un’interfaccia visiva (si esegua semplicemente aptitude) o direttamente dalla riga di comando. La sintassi usata per la riga di comando è molto simile a quella usata con apt-get. Per esempio, per installare il pacchetto nomefile, si può eseguire aptitude install nomefile.

Si noti che aptitude è il programma consigliato per la gestione quotidiana dei pacchetti dalla console.

La prossima volta vedremo alcuni esempi ed esercizi pratici cercando di entrare più in confidenza con l’ APT. Alla prossima!

Please follow and like us: