10 – Hotel Dusk Room 215

Come vi avevo anticipato settimana scorsa anche oggi parleremo del genere giallo, questa volta però con un’avventura grafica davvero particolare e ben studiata, completamente diversa dalla scorsa.
Ci occupiamo di un videogioco uscito nel lontano 2007 per Nintendo DS, il suo nome è Hotel Dusk: Room 215.
hotel_dusk_room_215-1936248

Quando capisci che la grafica non è importante:

Come già accennato, il gioco è uscito ormai parecchio tempo fa e per una piattaforma che sicuramente non conquista per le sue potenzialità grafiche, eppure questo titolo è una piccola perla uscita per la console portatile di casa Nintendo.
Hotel Dusk è un videogioco d’avventura a tema giallo-poliziesco sviluppato da Cing e pubblicato da Nintendo dall’atmosfera noir e ambientato alla fine degli anni settanta, racconta le vicende dell’ex-poliziotto del NYPD Kyle Hyde, il cui scopo è quello di risolvere il mistero che si cela dietro l’omicidio del suo collega Brian Bradley.
Dismessi i panni dell’agente, Kyle lavora come venditore per la Red Crown, azienda amministrata da Ed Vincent, vecchio amico del padre.
Ed gli affida la missione di recarsi all’Hotel Dusk dove il proprietario, Dunning Smith, gli consegnerà le chiavi della stanza 215.
Secondo l’albergatore la stanza può esaudire i desideri di chi ci passa una notte e sostiene che un cliente omonimo abbia già alloggiato nell’hotel del Nevada.

La grafica di questo titolo e anche il gameplay sono perfettamente studiati per il doppio schermo del Nintendo DS, che ci propone di tenere la console in verticale e impugnarla come un buon libro, dandoci anche la possibilità di invertirla se siamo mancini.
Parliamo un po’ adesso della grafica minimale e completamente azzeccata del titolo, che con mappe 3D realizzate quasi a mattoncini e i personaggi rappresentati da schizzi bidimensionali in bianco e nero in costante movimento e con animazioni davvero suggestive che ti portano all’interno dell’atmosfera perfetta per cominciare le tue indagini, per imparare a conoscere chi ti sta intorno e risolvere uno dei misteri più avvincenti che si possano raccontare.
maxresdefault

Gameplay e coinvolgimento:

L’abbiamo già detto, questo titolo è stato perfettamente pensato per Nintendo DS, e non è solo il progredire della storia, raccontata e che si sviluppa in modo magistrale come se fosse uno dei migliori gialli in cui però sei tu a fare la parte del detective, ma anche il modo in cui è stata progettata l’interazione con la console, con lo schermo touch e con gli elementi di scena.
Saremo coinvolti in diversi avvenimenti che andranno ad intrecciarsi alla nostra indagine personale e che si svolgeranno tutti all’interno dell’hotel, che nonostante questo non ci farà sentire per niente la mancanza di altre mappe o cambi di location.
Ci si può muovere con le frecce direzionali o tenendo premuto con lo stilo il punto che si desidera raggiungere nella mappa; sul touchscreen appariranno gli ambienti dell’hotel, in cui il protagonista si muove ed interagisce con gli oggetti, sia le varie opzioni di gioco.
Potremo infatti aprire in ogni momento il menu, salvare il gioco o prendere appunti sul nostro taccuino, per risolvere i ben studiati puzzle che via via saremo costretti ad affrontare per progredire nel gioco.
Durante le nostre conversazioni con i vari personaggi all’interno del gioco potremo di volta in volta scegliere cosa dirgli, che domande fargli, quando provare a incalzarli per farci rivelare importanti informazioni e imparare a conoscerli sempre meglio; ci saranno quindi diversi modi di sviluppo della storia, in base alle nostre scelte.
E’ importante ricordarsi che se si prova ad incalzare una persona nel momento sbagliato o senza aver raccolto le prove necessarie per poterlo fare, probabilmente perderemo quell’informazione facendo infastidire il personaggio in questione, che non avrà più voglia di parlare con noi e quindi dovendo riuscire ad ottenere quell’informazione in altro modo; questo in situazioni particolarmente importanti potrà portare anche al Game Over.
Le colonne sonore poi, di genere lounge, si adattavano perfettamente all’atmosfera del gioco, e che si viene a creare all’interno di quel vecchio hotel negli anni ’70, compensando così l’assenza del parlato, insieme a importanti effetti sonori che danno piena profondità ad ogni nostra azione.
maxresdefault (1)

Conclusione:

Credo si sia già capito quanto io personalmente abbia apprezzato questo titolo, dalla sua trama dannatamente coinvolgente alle perfette dinamiche studiate appositamente per la  console di casa Nintendo.
Mi permetto di consigliare questo gioco davvero a tutti, soprattutto agli amanti dei gialli certo ma anche a chiunque voglia provare un’esperienza diversa dal solito e coinvolgente, di farsi raccontare una storia davvero, essendone poi lui stesso il protagonista, con tutto quello che ciò ne comporterà.
La perfetta caratterizzazione di ogni personaggio all’interno di questo titolo vi conquisterà completamente e l’atmosfera e la narrazione così ben studiata (e raccontata), di capitolo in capitolo, vi trasporteranno sempre più all’interno del mondo del gioco, e non potrete davvero fare a meno di volerne sapere di più sulla complicata storia di Kyle Hyde e degli inquilini dell’Hotel Dusk, nonché del grande mistero che si cela nelle profondità dell’hotel stesso.

Un’ultima parola prima di lasciarvi con i soliti video esplicativi: è stato pubblicato un seguito di questo gioco, che prosegue le avventure di Kyle in un mistero ancora più personale e coinvolgente, ma ne parleremo settimana prossima.
Quindi, alla prossima!

Please follow and like us: